Surf Anchor Point, Marocco

Surf MaroccoGuarda tutte le foto di surf.
Oggi siamo stati tutto il giorno tra gli spot di Anchor Point e Mystery Point. Valeria ha provato e riprovato a concludere qualcosa in mezzo al mare ma la strada per imparare è ancora lunga. Ha passato tutto il tempo a cercare di fare una duck diving decente ma non ha avuto molto successo. Si è anche un po’ demoralizzata ma alla fine l’ho resa felice spingendola un po’ sulle schiumazze. Abbiamo conosciuto Saad, uno dei primi  Marocchini surfista degli anni ’70 che ha costruito la sua casa sullo spot di Anchor Point. Casualmente parecchio tempo fa una coppia di surfisti francesi gli chiese la casa in affitto, Saad sparò una cifra “esagerata” (200DH) e loro accettarono. Così capì che avrebbe potuto lavorare con i surfisti. Ora Saad non fa più tanto surf a Anchor Point perchè c’è troppo gente ma è sempre sulla terrazza di casa a vedere i ragazzi in acqua. Ci ha raccontato parecchi aneddoti sui surfisti, campioni e non. Ci ha detto anche che la rovina che si vede sullo spot era una fabbrica di scatolette di tonno. Ogni volta che pescavano i tonni tutto il mare si tingeva di rosso e anche a riva si avvistavano grossi predatori, tipo orche! Da aprile a settembre, quando la stagione del surf finisce, Anchor Point si trasforma inSurf Marocco un’immensa piscina dove le famiglie portano i loro figli a fare il bagno mentre nei mesi di mare più attivo, da novembre a gennaio, le onde sono world class! Saad ci ha raccontato che negli anni ’90 ci fu una mareggiata con onde mostruose anche di 10 metri, a detta sua, e che in acqua c’erano solo due surfisti professionisti. Peccato che la spiaggia sia sporca perchè qui è uso e costume lasciare tutta l’immondizia dove capita. Molti ragazzi marocchini arrivano in spiaggia con tavole, muta e griglia con tanto di pesce. Dopo aver surfato accendono un fuoco e si cucinano il pesce in spiaggia. In spiaggia si arriva direttamente con la muta e senza nient’altro, infatti si consiglia di non lasciare niente incustodito perchè potresti non ritrovarlo.

6 commenti su “Surf Anchor Point, Marocco”

  1. ciao raga salutino. Ma posso permettermi? ma non è che siano bellissimissimi i posti che ci fate vedere eh?
    forse non me ne intendo io. Ma quand’è che ci fate vedere la savana, gli alberi, gli animali feroci?
    insomma a me sembra davvero un panorama da meridione d’italia.
    vogliatemi bene lo stesso
    baci

  2. Ma la Janna qual’è? Gli spot sono bellissimi e le foto anche… i surfer sono virtuosi… ma io non riconosco nelle foto il mio preferito… il silver surfer d’Abruzzo… l’uomo che ispirato “Point Break”!
    Paul facci vedere chi sei!

  3. Ciao..beh per la savana e gli animali feroci bisogna attendere un po’..ora siamo in Marocco, poi andremo in Mauritania e poi in Senegal. (se i piani rimangono questi) e lì di savan ce n’è poca..considera che non abbiamo ancora attraversato il deserto! dovrai aspettare un po’..ciao, Valeria

  4. Ciao raga, bellissimo lo spot ed anche il promo con Saad. Continuate così che siete fantastici. Valeria non scoraggiarti vedrai che diventi più brava di Paoletto.
    Un bacione da Lanciano

  5. ATTENZIONE ALLE RUCERTOLE DELLA SAVANA!!!SONO NU SACCHE PERICOLOSE!!!!!DIVERTITEVI!!!!!!!!!!!!!!TRA UN Pò ARRIVO PURE IO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.