Siam Reap e l’Angkor Wat

CambodiaGuarda tutte le foto della Cambogia.
Il viaggio per Siam Reap è abbastanza lungo e pesante, la strada è tutto un buco e il pullman è un ben scassato. Ogni tanto l’autista si ferma e scende con degli attrezzi per sistemare qualcosa che non va o per buttare dell’acqua per raffreddare non si sa bene quale parte del motore. Lungo la strada tanti villaggi e numerosi templi e tanti artigiani che costruiscono delle statue con rete e cemento raffiguranti animali o divinità. Queste statue sono più grandi di una persona e vengono dipinte con dei colori brillantissimi.
Finalmente arriviamo a Siam Reap, il nostro ostello è vicino ad una via che si chiama CambodiaBar Street..il nome dice tutto. Tutta questa zona ruota completamente sul turismo: ristornati, internet-point, chioschi, night club, super mercati aperti 24 ore su 24 e l’old market, che di vecchio non conserva niente perchè vende solo oggetti per turisti come riproduzioni del tempio, magliette con la bandiera della Cambogia, tele con dei Buddha disegnati etc. etc.
Cercando un posto per mangiare ne approfitto per chiedere a qualche agenzia quanto costa il biglietto dell’autobus per Bangkok e mentre faccio i miei giri un ragazzino di circa 12 anni ferma Paolo.
CambodiaRagazzino: “Vuoi comprare qualche mio libro?” mostrando da uno zaino delle guide della Cambogia
Paolo: ” No, grazie”
Ragazzino: “Di dove sei?”
Paolo: “Italia”
Ragazzino: “..anche io, sono di Roma!” e Paolo gli sorride
Ragazzino: “La vuoi una ragazza per questa sera?”
..e in quel mentre esatto, arrivo io. Appena il ragazzino mi vede se ne esce con un “sorry!” e scappa via come un fulmine, forse ha visto la vena della mia tempia pulsare??
Dopo aver cenato torniamo in ostello. Ci si avvicina una ragazza con tanti capelli rasta rosso fuoco e ci chiede se domani siamo interessati ad andare insieme a lei a vedere l’Angkor Wat per dividere le spese del taxi. Una volta accordato l’orario per il mattino seguente andiamo finalmente a dormire.
La mattina dopo ci incontriamo con Irma, la ragazza olandese dai rasta rossi, e si aggiunge anche Dave un signore Irlandese. Con due tuk-tuk andiamo verso l’ingresso dei templi, il nostro tuk-tuk è bellissimo: leopardato sul rosa! E’ fatto apposta per me..
Paghiamo il biglietto per l’ingresso e con il tuk-tuk ci spostiamo per vedere i templi più importanti sotto una calda giornata di sole. Su una superficie vastissima sono sparsi diversi templi, monumenti e l’Angkor Wat.
L’Angkor Wat è il più vasto sito religioso del mondo ed è un’opera maestosa che unisce potenza e stile. Tutti i templi sono costruiti con dei blocchi di pietra lavorati, raffiguranti diverse divinità. Per salire su alcuni di questi templi bisogna letteralmente arrampicarsi perchè i gradini sono ripidissimi e strettissimi tanto da far venire le vertigini se ci si guarda alle spalle. Uno di questi templi è composto da tante facce giganti e passare attraverso i corridoi è davvero suggestivo, surreale e magico. Un altro invece è letteralmente avvolto e mangiato dalle radici di alberi giganteschi che si sono infiliate tra le pietre spaccando alcune parti del tempio stesso.
Per ultimo abbiamo visitato l’Angkor Wat che è davvero immenso e complesso, diviso su più piani e circondato da un fossato. Ogni pietra che compone l’Angkor Wat è impreziosita con delle lavorazioni. Qua e la girano dei monaci che con i loro vestiti arancioni fanno uno strano contrasto con il grigio della pietra.
La giornata è quasi finita e siamo tutti stanchi dopo il tanto camminare ed esplorare, risaliamo sul tuk-tuk e torniamo in città.

3 commenti su “Siam Reap e l’Angkor Wat”

  1. “è il più vasto sito religioso del mondo”
    non ti fare abbindolare dai soliti esagerati.
    Ovunque tu vada ci sarà sempre qualcuno che ti dice che questo é il più grande qualcosa del mondo 🙂

  2. ahi ahi paolino!!attento che valeria si trasforma facilmente in furia cieca!!!
    cmq valeria non dovresti essere così restrittiva!!non lo sai che le ragazze orientali sono fantastiche??vorresti privare tuo marito di una gioia e un piacere così immenso??come dici??che lo priveresti volentieri delle braccia, delle gambe, della testa e del…?!?ok, ho capito!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.