Sepilok e Sandakan, Borneo

BorneoGuarda tutte le foto della Malesia.
A Miri stiamo decidendo sul da farsi. Andare verso Gulu sarebbe bello perchè c’è il parco e tante altre cose da vedere ma per arrivarci bisogna volare e poi da lì non si può tornare verso KotaBorneo Kinabalu via terra ma bisognerebbe riprendere un altro volo. Dopo un pò di discussioni  pensiamo di andare a Kuching, da qui ci vogliono 8 ore di bus ma alla fine per motivi logistici decidiamo di prendere un volo per Kota Kinabalu perchè se torniamo via terra dovremmo ripassare per il Brunei e poi rientrare in Malesia, sarebbe a dire altri quattro timbri sul passaporto. Non me lo posso permettere perchè mi sono rimaste solo tre pagine e le devo conservare per i visti per l’Indonesia.
Così con un’ora di volo arriviamo a Kota Kinabalu e ci piazziamo nello stesso ostello dov’eravamo già stati. Andiamo subito a chiedere per il visto per l’Indo,  costa 35 euro, per averlo ci vogliono tre giorni lavorativi ma prima vogliono vedere il biglietto aereo di andata e ritorno..ops!Non abbiamo nessun biglietto di ritorno e non vogliamo comprarlo perchè andrebbe sicuramente perso visto che vogliamo rimanere in Indonesia per un bel po’, così iniziamo a pensare di falsificare con Porcoshop un biglietto di Air Asia che già abbiamo, cambiando solo i nomi e le date.
Non è cosa semplice così nel frattempo, dato che è sabato e per il visto non se ne parla fino a lunedì,  decidiamo di andare a Sepilok a vedere gli Oranghi e quindi partiamo.
Sepilok è un piccolo posto in mezzo alla foresta dove si trova questo “santuario degli oranghi”. Come arriviamo andiamo diretti per vedere gli oranghi, l’ingresso costa 8-9 euro..e come tutte le  altre cose era meglio vedersi National Georaphic a casa. Ci sono un miliardo di persone con tanto di guida con un cartello in mano sul quale c’è scritto:  “silence  please”. Ci fanno vedere gli oranghi quando è ora di mangiare così escono allo scoperto, sempre se ce la fanno a farsi largo tra un esercito di macachi. Una timida mamma di orango con tanto di cucciolo in braccio tenta di avvicinarsi per mangiare ma i macachi la fanno scappare via tra gli alberi. Poi l’orango torna e in barba ai turisti si mette a mangiare dando le spalle a tutti noi per poi ritornare sui rami degli alberi.
Evitiamo la folla e camminiamo seguendo il percorso lungo 1,5 km ma la passerella è in buono stato solo dove ingrassano i macachi, per il resto è tutta distrutta o inesistente quindi è impossibile da fare a piedi.
Usciamo e  andiamo verso Sandakan, dove ci fermeremo solo per una notte. Abbiamo deciso che proveremo a prendere il visto per l’Indonesia da Tawau, l’ultima città del Sabah.

3 commenti su “Sepilok e Sandakan, Borneo”

  1. Buongiorno,
    mi chiamo Barbara e mi permetto di scrivere un commento a questa sua pagina.
    Sepilok è prima di tutto un Centro di Riabilitazione non uno zoo! Gli orang utan vengono liberati all’interno della Kabili Forest, dopo una lunga e attenta riabilitazione (presso gli edifici della Clinica, dove gli animali feriti e in difficoltà vengono “raccolti”) e la possibilità di vederli da vicino per un turista è appunto la piattaforma A, dove lei si è recato. Premettendo che non sempre si può essere fortunati ad osservare un gruppo consistente di pongo pigmeus a Sepilok ne tantomeno in natura, Sepilok offre l’unico modo per osservare gli oranghi nel loro habitat naturale. Proprio per questo non è concesso avvicinarsi ne, tantomeno fare rumori che potrebbero disturbarli.
    Forse è stato mal informato o si è mal documentato quando ha visitato il centro.
    Lo scopo è di far conoscere al pubblico il più grande primate arboricolo che esista sulla Terra non offrire uno spettacolo da circo.
    Questo è l’obiettivo di Sepilok!
    Bisognerebbe sostenere centri come questo non darne una descrizione sommaria e fuorviante.
    Mi sono permessa di scrivere queste righe per chiarire la posizione del centro dove peraltro ho lavorato per due mesi come volontaria.
    La ringrazio per l’attenzione.

    Barbara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.