Maribor

SloveniaGuarda tutte le foto della Slovenia.
Celje non è niente di che e dopo aver passato quasi tre ore seduti ad un bar con il wifi Luca propone di passare una serata “Into The Wild”, sarebbe a dire dormire in tenda da qualche parte tra i verdi prati della Slovenia. Claudio è titubante mentre Paolo S. non sa da che parte schierarsi ma dopo qualche frase persuasiva si convincono tutti e così ci dirigiamo verso il lago Smartinsko Jezero a pochi chilometri da Celje. Il lago è circondato da prati verdissimi e campi coltivati conSlovenian food qualche casa qua e là. Mentre Claudio e Paolo S. fanno un giro in canoa sul lago noi tre cerchiamo un posticino dove poterci accampare e con il Furbone percorriamo tutte le stradine che costeggiano e arrivano al lago. Lunga la strada incontriamo due signori a cavallo, noi per non spaventare gli equini, andiamo piano piano ma non basta perchè uno si imbizzarrisce facendo cadere il cavaliere! Proseguiamo e poco più avanti passiamo “La casa del porco”, che non è un ristorante tipico o un salumiere, bensì un’abitazione con una balconata piena zeppa di maiali grufolanti. Percorriamo una piccola strada sterrata e arriviamo in un posto perfetto dove poter poi montare la tenda, in riva al lago, su un prato verde e lontano dalle case. Torniamo indietro per recuperare i fratelli Abbagnale e cerchiamo un posto dove mangiare. Tornando verso la città troviamo un ristorante e ci fermiamo. Ordiniamo del vino rosso e una zuppa di funghi per iniziare. Il cameriere, che parla un po’ italiano, ci porta una tinozza di zuppa a testa, buonissima e super abbondate. Inconsapevoli a quello che stavamo andando incontro ordiniamo un secondo..Luca e Paolo se la cavano rispettivamente con un pesce e una bistecca ai ferri con contorno mentre io e Paolo S. non riusciamo a terminare i nostri piatti della casa, con carni miste ed assortite e contorni vari ma il più mal messo è Claudio che letteralmente si spaventa davanti alla quantità di cibo che ha ordinato e non riesce a mangiare quasi niente. Ci facciamo metter da parte le due cotolette che non sono riuscita a mangiare, paghiamo e andiamo a montare la tenda. Ci stendiamo tutti insieme per vedere le stelle cadenti e forse Luca è l’unico che non riesce a vederne nemmeno una, ci perdiamo un po’ in chiacchiere e l’atmosfera è splendida. Abbiamo le stelle, il laghetto che si infrange piano sulle sue sponde, le nostre chiacchiere stupide e un bel ronzio del traliccio dell’alta tensione che abbiamo sopra la testa!

Il giorno dopo Luca parte in bicicletta verso Maribor, la 4° Tappa, i chilometri sono pochi circa una sessantina così Claudio e Paolo S. decidono di fare una staffetta con l’altra bici. Parte Claudio che riesce a percorre i suoi chilometri senza problemi, salvo per la salita dove se l’è fatta a piedi. Cambio della guardia con Paolo S. che però lungo il tragitto fora una gomma. Arriviamo a Maribor e mentre Claudio trova una sistemazione per Luca e Paolo S. noi ci facciamo un bel panino con la cotoletta avanzata e ci incontriamo con Matej, couchsurfer che ci ospiterà.
Tutte le foto della Slovenia

2 commenti su “Maribor”

  1. Jezero vuol dire lago, per cui dire “il lago Smartinsko Jezero” è come dire “il lago Smartinsko Lago”.
    Tutto vi devo insegnare.

  2. Oddio!!! Devo assolutamente andare a vivere alla casa del porco!!! E’ magnifica!!! Potevate fare più foto!!!
    Mi piace l’idea della sosta “Into The Wild””!!! (Film tratto dal libro “Nelle terre estreme” di John Krakauer, edito da Corbaccio, prezzo 16.60 euro… scusate ma sto usando la connessione internet concessami da Feltrinelli… un pò di pubblicità è il minimo!!!).
    Ricordatevi che la storia del film prevede che il protagonista muoia di stenti… quindi non abbandonatevi del tutto al selvaggio!!!
    Riguardo al ristorantino, inutile dirvi che si fossi stato io non si sarebbe mai posto il problema del cibo avanzato! Ho ingerito quantità di carni assortite che voi umani non potreste mai immaginare! Anzi… se ben ricordate a Fuerte Ventura ho mangiato in scioltezza una costatina argentina da 1,2 kg con patatine fritte!!!
    Eh! Eh! Eh! Come direbbe Willy Smith… Io sono leggenda!!!
    Vai Ragazzi!!! Ancora complimenti per il sito! Sempre più interessante e avvincente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.