Laos – Vietnam

LaosGuarda tutte le foto del Laos.
Finalmente possiamo partire per il Vietnam e lasciarci alle spalle il Laos. Riprendiamo il minibus per Pakse dove conosciamo una ragazza italiana che vive e lavora in Cina e che si trova in Laos per vacanza. E’ molto simpatica e alla mano e ci da parecchie informazioni sulla Cina, chissà magari la rincontreremo a Pechino. Una volta arrivati a Pakse dobbiamo aspettare diverse ore prima di prendere l’altro bus per Vientiane e cazzeggiamo tutto il pomeriggio in un internet caffé. Davanti al computer le ore scorrono veloci e così si fa l’ora di tornare all’ agenzia. LaosMentre aspettiamo che arrivino anche gli altri passeggeri compriamo dei fagottini di riso cotti al vapore ripieni di carne e uova e ci sediamo fuori dall’agenzia. Ci si avvicina un poliziotto che cerca in qualche modo di attacar bottone con noi nella sua lingua e più o meno riusciamo a capirci a gesti. Il poliziotto sfida a dama Paolo, la scacchiera è un pezzo di legno dipinto mentre le pedine sono fatte con i tappi di bottiglia di birra, lui li tiene rovesciati mentre Paolo no. Inizia la partita, anzi più partite dove Paolo perde sempre, pure il tipo dell’agenzia segue con passione i giochi. Poi il poliziotto decide di sfidare me, io accetto..lui non sa della mia infanzia passata a giocare a dama con mio fratello e mio nonno! Inizia la partita ma dopo poco il tipo dell’agenzia ci dice che dobbiamo salire sul tuk-tuk, dove ci sono già tutti gli altri viaggiatori. Io faccio la faccia triste perchè vorrei finire la partita così il tipo dell’agenzia mi dice: “Ok, ten minutes!” grande..sollevo i miei tappi di bottiglia e comincio a mangiare a destra e a manca le pedine del povero poliziotto, battendolo in 5 minuti!
Salutiamo e saliamo sul tuk-tuk che ci porta fino alla stazione dei bus e di nuovo davanti ai miei occhi c’è lo sleeping bus dell’altra volta, con la stessa Hostess simpaticissima ma questa volta non darò di matto, un po’ perchè so già quello che mi aspetta e un po’ perchè su 4000 isole ho fatto gli anni, 33 per l’esattezza, e quindi mi sento più vecchia e più saggia.
Laos foodArriviamo a Vientiane all’alba e dalla stazione degli autobus andiamo verso il centro. Appena le agenzie aprono compriamo il biglietto per Hanoi in Vietnam che parte di sera. A Vientiane giriamo per la città, per il centro commerciale e aspettiamo che il tempo passi. Ci fermiamo in un ristornatino davvero local a bere qualcosa guardando un po’ di wrestling e un po’ di box tailandese. I padroni di casa/ristornate ci offrono delle banane secche e delle caramelle avvolte nelle foglie di bambù, sembrano tipo delle mou ma di colore grigio, probabilmente sono fatte con il riso. Le pubblicità in tv sono davvero diverse dalle nostre, la maggior parte sono di prodotti sbiancanti per la pelle, shampoo, cemento, tegole, trattori e ruspe. Insomma le donne devono essere più bianche possibili mentre gli uomini devono costruire le case in cemento andando per i campi su mezzi nuovi di zecca.
E’ ora si parte verso il Vietnam, saliamo sul autobus e all’alba arriviamo al confine, dopo aver cercato in vano di dormire tra i tormenti del karaoke vietnamita di continuo sugli schermi della tv. Tra uscire dal Laos e entrare in Vietnam ci impiegheremo circa tre ore, tra controlli e code anzi ressa. Alla frontiera del Vietnam una volta dato il passaporto i poliziotti ci chiedono un dollaro per restituircelo..ma noi, come altri, non abbiamo dollari e nemmeno la moneta locale. Il poliziotto si tiene i passaporti perchè vuole essere pagato, lo paghiamo con i Baht e riusciamo a passare. Una volta finita la tiritera per tutti ci rimettiamo sul bus e solo dopo altre 12 ore di viaggio arriveremo ad Hanoi.

9 commenti su “Laos – Vietnam”

  1. e brava la mia zapa!!sono proprio orgogliona di te!! l’avanzare degli anni ti ha fatto divenire più calma e pacata! certo è che il piacere di una bella sfuriata non ha uguali!proporrei di iniziare un torneo ITALIA vS ORIENTE su qualsiasi sport o disciplina! EVVAI VALE!!CAMPIONESSA DI DAMA!!! Paolo guarda e impara!!

  2. udite !!!!! udite !!!!!!!
    più vecchia e più saggia ………..
    Siiiiiiiiiiiiiiii… fino alla prossima puntata …..
    sicuramente era in un momento di distrazione ……
    Grazie VALE … devo dire che leggerti mi fa morire dalle risate …..
    Un abbraccio

  3. “la maggior parte sono di prodotti sbiancanti per la pelle, shampoo, cemento, tegole, trattori e ruspe. Insomma le donne devono essere più bianche possibili mentre gli uomini devono costruire le case in cemento andando per i campi su mezzi nuovi di zecca.”
    ah ah frase del secolo. Vai, scrivi sempre meglio.
    Mi raccomando, meno cronaca e più emozioni!
    Ma adesso trovate mio fratello a Hanoi!!!??! Che mondo.

  4. ma cos’è quello in foto? un BUMAI (noto incrocio di 4000islands tra un bue e un maiale)? ah ah

  5. il laos (ovvero, i suoi posti + turistici) vi è sembrato caro e snervante? allora in vietnam non entrateci proprio! 😉

  6. minchia se gli è sembrato caro e snervante il Laos siamo a posto…meglio che tornino in fabbrica a rilassarsi 🙂

  7. ma che è quer coso??
    me pare n incrocio tra un dinosauro e uno squalo, uno SQUAURO che esce dal suo uovo informe…
    e nn fumo !!!
    bravi bravi ma te vale la prossima volta gioca a soldi !
    te paolo lascia perde direttamente sennò ce rimettete!!
    ahahah
    buon viaggiooooooooo

  8. è che chi racconta, a tratti sembra seccata…il vietnam è stressante cmq! tuttimodi, fuori dal percorso piu’ battuto (luang prapang-vang vieng-don det) il laos è sicuramente più economico del vietnam. buon viaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.