Free Camping

IndiaGuarda tutte le foto delle Isole Andamane.
Campeggio nella giungla.
La prima sera ho avuto un po’ di paura visto che sull’isola ci sono molti coccodrilli. Di notte, essendo solo in tenda, ti vengono strani pensieri ad ogni rumore. Infatti ad un certo punto ho cominciato a sentire qualcosa che si stava avvicinando sempre di più così mi sono cominciato a preoccupare. Quando questa cosa è arrivata talmente vicino da toccare uno degli angoli della tenda del campo base ho deciso di uscire con la torcia. Magari facendo un bel po’ di casino sarebbe scappata via. Provate ad immaginare uno pseudo tarzan che salta fuori dalla tenda in mezzo all giungla cercando di far paura a un coccodrillo! Quando sono uscito ho visto la bestia proprio di fianco alla mia tenda, era mostruosa e assetata di sangue..una cazzo di vacca?!? Ma che cazzo ci fa una vacca nella giungla di notte?!? Me lo sono chiesto anche io e con tutto lo spazio che c’era proprio sulla mia tenda doveva finire! Meglio la vacca che i crock.
Le mie giornate si dividono tra il surf, la giungla e le mangiate di pesce in spiaggia. Ho anche conosciuto dei pompieri con i quali ho passato mezza giornata nella loro caserma guardando il cubo maledetto (tv).
Purtroppo il Monsone che sarebbe dovuto andar via già da tempo persiste rovinando giornate ed onde quindi ho deciso di tornare indietro verso Port Blair e di lasciare l’India per andare verso la Cina, non per surfare ma solo per fare un viaggetto. Il viaggio di ritorno verso Port Blair è stato uno dei viaggi piu brutti e scomodi che abbia mai fatto. C’era talmente tanta gente su quella bagnarola di merda che non sono riuscito a trovare nemmeno un posto. Andaman & Nicobar Islands (India)Ho rimediato un posto sul ponte posteriore della barca su un paio di mucchi di cime per l’attracco, abbastanza scomodo devo dire. Verso le 3 del mattino il monsone malefico ci ha raggiunto e ha cominciato a buttare giù tantissima acqua, così mi sono dovuto spostare su dei sacchi sotto un portico, dove c’era posto solo per metà di me, il resto è finito sotto l’acqua! In più, tanto per tenermi sveglio, il motore della barca era proprio sotto di me. Finalmente ora sono su un treno, verso Calcutta. Tra pochi giorni andrò a Singapore, la citta maledetta, dove una volta a causa di un bancomat sono stato costretto a tornare a casa.. Da Singapore comincerà il mio viaggio via terra verso la Cina per poi tornare in Indonesia.

Un commento su “Free Camping”

  1. Ti capisco perfettamente…in tenda questo dicembre a Little Andaman. Fortunatamente niente crocks, ma molte vacche! Mina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.