Mauritania

Da Noadhibou a Nouakchott

MauritaniaGuarda tutte le foto della Mauritania.
Pranziamo a casa di Mayeln con Alberto, Fatu e Patricia. Il pranzo è super abbondante e squisito: calamaro ripieno, pasta con cozze e gamberi, frittata di patate, zuppa di legumi e insalata di mais e sardine. Dopo il pranzo ci accompagnano a prendere il bus per Nouakchott e Fatu ci consegna un pacchettino da dare a suo figlio a Dakar. Partiamo e dopo 5 ore arriviamo nella capitale. Prendiamo un taxi e raggiungiamo casa di Mohamed, un altra persona che ci ospiterà tramite il couch surfing. MauritaniaCi offre la cena e ci fa conoscere tutta la sua famiglia compreso suo cugino che è Senegalese e che è appena tornato a casa dopo aver vissuto per dieci anni in Italia! Pazzesco, Iba parla milanese ed è troppo simpatico. Anche lui va in Senegal e così decidiamo di attraversare tra qualche giorno il confine insieme a lui. Iba, come tanti che abbiamo incontrato, è scappato dall’Italia perchè ci ha detto che ormai non si può pi lavorare, è troppo dura la vita! E’ tornato nella sua terra perchè ci ha detto che per lui l’Africa sarà il futuro e che in Italia non c’è più niente da fare. La casa si Mohamed è piena di bambini che corrono qua e là, un po’ sono dei parenti ed un po’ dei vicini di casa. Questa famiglia è senegalese e ci offrono tutto, colazione, pranzo e cena. Con un cugino di Mohamed andiamo a vedere il mercato del pesce. Sulla spiaggia e in mare ci sono decine e decine di piroghe che portano chili e chili di pesci appena pescati. Il pesce viene poi subito venduto o congelato. E’ un via vai di persone, barche, somari con i carretti e pesci di ogni dimensione!

5 commenti su “Da Noadhibou a Nouakchott”

  1. Un sengalese milanese… taaaac! Milano Caput Mundi!!!
    Immagino che Valeria abbia fatto valere le sue origini meneghine! A parte tutto… foto splendide e contenuti eccezionali! Tra l’altro molto carina la ragazza a cui Valeria versa il tè…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.